Cosa dovete sapere su ACTA 2

La direttiva sul diritto d’autore nel mercato unico digitale viene chiamata in molti modi su Internet. Eccone alcuni: #CopyrightDirective, #SaveYourInternet, #SaveTheInternet, # Article11, # Article13, #UploadFilters, #LinkTax, #Filternet, #CensorshipMachines. Noi la chiameremo semplicemente “ACTA 2”, perché in rete ACTA è il sinonimo di un tentativo di legalizzare la censura di Internet. La direttiva avrebbe dovuto aggiornare le norme sulla protezione del copyright per aiutare gli autori. Sfortunatamente i legislatori si sono mossi verso un percorso diverso e hanno preparato una normativa che potrebbe distruggere Internet così come lo conosciamo. #ACTA2 obbligherà l’Unione Europea a creare una super intelligenza artificiale che censurerà automaticamente i contenuti online prima che vengano pubblicati. Ogni portale e applicazione, sia per PC che per smartphone, dovrà esservi automaticamente connessa per evitare il rischio di essere ritenuta finanziariamente responsabile per un post o un commento (anche se pubblicato da un utente anonimo) che contenga materiale protetto dalle leggi sul copyright.

Oggi, questo nuovo mezzo di controllo, verrà utilizzato per proteggere i diritti d’autore in maniera estrema. Sfortunatamente però, ACTA2 non solo rafforza la creazione di strutture di censura, ma crea anche un precedente per il sistema legislativo europeo, permettendo il blocco preventivo dei contenuti. Già in questo momento, la Commissione Europea sta preparando una soluzione legale: sotto forma di alcune direttive sarà infatti possibile utilizzare ACTA2 per censurare contenuti pubblicati o presenti sui siti di organizzazioni che vengono ritenute “radicali”. Recentemente, alcuni degli argomenti che hanno fatto più discutere in Europa sono stati le “Fake News” e le frasi di odio: sono già state sviluppate alcune idee per filtrare e bloccare anche questi contenuti.

Se ACTA2 entrerà in vigore, potrà essere utilizzato per filtrare e censurare qualsiasi tipo di contenuto in Europa: da quel momento non ci sarà più la possibilità di tornare indietro.

#Articolo11

Articolo 11 – la #linktax è un tentativo di creare una lobby societaria. Vengono concessi maggiori poteri al copyright della stampa, richiedendo il permesso da parte dell’editore per chiunque voglia usare anche il più piccolo frammento di un comunicato stampa o di un articolo, compresi i link snippet di titolo, descrizioni e immagini. In poche parole, l’Articolo 11 ucciderà tutti i media indipendenti e stroncherà sul nascere le polemiche online.

#Articolo 13

Articolo 13 – gli #uploadfilters (filtri di caricamento) scaricano la responsabilità di post e commenti dagli autori ai proprietari del sito web. Viene offerto uno strumento per aiutare i proprietari di un sito web a controllare i contenuti, un’infrastruttura di filtraggio alla quale tutti i siti dovranno essere connessi. Questo metodo censurerà tutti i contenuti che verranno considerati contrari alla normativa sul copyright prima che i post o i commenti possano andare online.

Perché ACTA 2 è così pericoloso?

La tentazione può essere davvero alta con un potere di questo tipo: il sistema, una volta operativo, potrà essere utilizzato per filtrare e bloccare ogni tipo di contenuto che i controllori riterranno non appropriato e non ci sarà modo di tornare indietro. Certo, oggi le norme che regolano i diritti di copyright non sono il massimo e devono cambiare. Il cambiamento però deve essere positivo e quello attuale sta portando verso un sistema molto più autoritario. Saranno in pratica gli algoritmi di filtraggio a decidere quando e se il copyright viene violato: I PORTALI CESSERANNO LE LORO ATTIVITÀ E UNA VERA E PROPRIA CENSURA REGNERÀ IN INTERNET!

COSA POSSO FARE PER FERMARE TUTTO QUESTO?

Firma la petizione

Unisciti alle manifestazioni il 23.03.2019

Il nostro canale Discord #stopACTA2

#stopACTA2 e Salva Internet – Giornata di Mobilitazione Europea il 23 Marzo 2019

Sono un autore, dovrei essere preoccupato per ACTA 2 e l’Articolo 13?

Musicisti

ACTA 2 cambierà il vostro modo di fare promozione e la possibilità di utilizzare dei campioni musicali. Ci avete mai pensato? Se non esisteranno più dei portali indipendenti, come faranno le persone a sapere della vostra esistenza? Le vostre azioni dipenderanno dalla volontà delle grandi società e non potrete farci niente. Internet si trasformerà in una grande casa discografica e le stesse motivazioni che hanno portato chi vi ha preceduto a non potersi fare pubblicità, impediranno anche a voi di fare altrettanto. Oh, ovviamente c’è un tranello: chi è già famoso potrà starsene al sicuro nella sua posizione, comportando di conseguenza un abbassamento di qualità della musica in generale.

Editori

Gli Articoli 11 e 13 colpiranno direttamente il vostro lavoro. L’Articolo 11 vi costringerà ad acquistare licenze per poter condividere materiale o linkare il materiale di specifici editori. Solamente i più grandi attori di questa scena, con enormi capitali a loro disposizione, potranno permettersi queste licenze. LA LINK TAX UCCIDERÀ LA MAGGIOR PARTE DEI SITI ATTIVI SU INTERNET! L’Articolo 13 invece, vi obbligherà ad assicurarvi della legalità dei materiali pubblicati da voi e dagli utenti del vostro sito.

Streamer

Molti aspetti della vostra attività cambieranno completamente, anche in MANIERA NEGATIVA, appena questa pericolosa legge entrerà in vigore … Scordatevi di condividere musica se non avete acquistato i diritti d’autore. Non pensate nemmeno di utilizzare materiale di terze parti o di altre fonti, anche se li inserite solamente come citazioni. Cose davvero stupide, come mettere dei link nelle descrizioni dei film – siano essi solamente testi o altri tipi di materiale che riguardano lo stesso argomento – sarà solo un ricordo del passato. Il vostro canale diventerà incolore e noioso, perderà la sua fetta di pubblico e prima o poi dovrete chiuderlo.

Tabella di marcia di ACTA2

  • 20 Giugno 2018 - Voto della Commissione Giuridica del Parlamento Europeo - [approvato]
  • 5 Luglio 2018 (respinto): Il Parlamento vota sul mandato di negoziazione
  • 12 Settembre 2018 (approvato): Il Parlamento discute e dà il suo voto finale sulla questione prima di inviare il dossier agli stati membri per l'approvazione finale. - [approvato]
  • 13 Dicembre 2018: Negoziazioni fra il la Commissione Europea, il Consiglio dell'Unione Europea e il Parlamento Europeo - [approvato]
  • 8 Febbraio 2019: Voto della Commissione Giuridica del Parlamento Europeo - [approvato]
  • 23 Marzo 2019: Giornata di Mobilitazione a livello Europeo - Manifestazioni in tutta Europa contro #ACTA2
  • 25 Marzo 2019: Voto finale sulla questione da parte del Parlamento Europeo.

Parlamento Europeo – 12 Settembre

Parlamentari Europei a favore di #ACTA2
58%
Parlamentari Europei Contro #ACTA2
30%
. . . . . . . . . . Parlamentari Europei astenuti
5%
. . . . . . . . . . Parlamentari Europei assenti
6%

Volete organizzare una manifestazione nella vostra città o supportarci? Contattateci!

I nostri supporter!